FIRENZE DEI TEATRI A RISCHIO CHIUSURA

Stop all’info-point delle Murate, sospese le attività

Garantita solo l’assistenza agli abbonati Passteatri

FIRENZE dei TEATRI, l’associazione che da oltre dieci anni riunisce 20 teatri dell’area metropolitana fiorentina, chiude dal 6 marzo l'INFO POINT alle Murate e la sua attività futura resta SOSPESA. Se non ci saranno novità da parte delle Amministrazioni, in primo luogo il Comune di Firenze, che l'hanno fortemente voluta e fino allo scorso anno sostenuta, a fine maggio l’associazione cesserà definitivamente la proprio attività di promozione, comunicazione e coordinamento.

Un’esperienza che non solo ha segnato il mondo dello spettacolo fiorentino attraverso nuove forme di fruizione dell’offerta teatrale e culturale, ma che è stata ripresa da molte altre città in tutta Italia, oggetto di studi universitari e punto di riferimento per un pubblico in costante crescita.

Gli abbonamenti trasversali PASSTEATRI e PASSFAMILY – sei ingressi validi in tutti i teatri dell’associazione a prezzi estremamente vantaggiosi - hanno quest'anno raggiunto il picco del successo con 1.639 sottoscritti e 9.834 biglietti emessi: il 13% in più dello scorso anno.

Un patrimonio imperdibile per i Teatri dell'area metropolitana fiorentina in considerazione dell'altissimo numero di persone (adulti e bambini) che per la prima volta e, unicamente grazie ai progetti suddetti, sono entrati nei teatri beneficiando di un’offerta di qualità, senza fini commerciali, nel solo esclusivo interesse della diffusione della cultura.

Coerentemente con il percorso fino ad oggi realizzato, Firenze dei Teatri non abbandona il proprio pubblico e fino al termine degli abbonamenti in corso (fine maggio) resteranno disponibili i contatti tradizionali telefonici e email, nonché il sito web e le newsletter che contano oltre 7.000 iscritti.

L’associazione resterà attiva anche a livello istituzionale per mantenere i contatti con le Amministrazioni Comunali che l’hanno fino ad oggi sostenuta e che, solo parzialmente, hanno offerto garanzie per il futuro: Firenze, Scandicci, San Casciano V.P., Bagno a Ripoli, Calenzano, Barberino di Mugello, Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino.

In particolare l’associazione si rivolge al Comune di Firenze che dal 2002 è sempre stato il principale sostenitore (oltre che maggiore beneficiario in termini di ritorno, considerato che ben 13 su 20 sono i teatri soci fiorentini), ma che nel 2012 ha ridotto il contributo del 57% passando dai 35.000 euro del 2011 a 15.000. Pesa sulla decisione di sospendere le attività soprattutto la decisione dell'Amministrazione di non rendere pluriennale il contributo, azzerando le certezze per il 2013 e con esse la possibilità di garantire concrete prospettive future di lavoro.

“Sono fiducioso – dichiara Marco Parri, presidente di Firenze dei Teatri – che le nostre amministrazioni pubbliche faranno il possibile per non disperdere una risorsa tanto importante e perdere così 10 anni di un lavoro di coordinamento che ha portato concreti benefici a teatri e al pubblico”

Per qualsiasi informazione potete contattare il numero 340/5985159 oppure scrivete a info@firenzedeiteatri.it

01 aprile 2017

Teatro Puccini

TRIO TRIOCHE - Troppe arie

di scritto da Trioche e Rita Pelusio

regia di Rita Pelusio

21 aprile 2017

Teatro Puccini

MARION D'AMBURGO e CENTRALE DELL'ARTE - Il soldato

di Franco Fortini

regia di Teo Paoli

22 aprile 2017

Teatro Puccini

ANDREA MUZZI - All'alba perderò

di Andrea Muzzi e Matteo Vicari

TEATRO PUCCINI

La decennale programmazione svolta in questi anni sul palcoscenico del Teatro Puccini può essere semplificata nella formula del “Teatro stabile della satira e della contaminazione dei generi”. Un palcoscenico che lascia spazio alla tradizionale presenza di “indomiti satiri” e “comici irriverenti” e che si apre verso nuovi e stimolanti confronti con autori e attori della nuova drammaturgia italiana - nuova nei linguaggi e nello stile, originale nelle scelte e nei progetti, diversa e lontana dalle forme e dalle ricerche che caratterizzano e connotano gli aspetti propri dell’avanguardia, che ha a Firenze i suoi legittimi spazi teatrali. Uno spazio che in questi anni ha visto la presenza di spettacoli e di artisti di indiscussa qualità e chiara fama come ad esempio Marco Paolini, Paolo Rossi, Beppe Grillo, Dario Fo, Franca Rame, Moni Ovadia, Lella Costa, Paolo Hendel, Antonio Albanese, Aldo Giovanni e Giacomo, Claudio Bisio, Alessandro Gassman, Mario Scaccia, Alessandro Benvenuti, Daniele Luttazzi, Giobbe Covatta, Alessandro Baricco, Gabriele Vacis e molti altri che hanno reso questo palcoscenico il teatro “off” di Firenze.
Oltre all’attività di spettacolo, il Teatro Puccini è conosciuto e apprezzato per l’attività di organizzazione di mostre con le opere dei maggiori disegnatori satirici  fra i quali: Giuliano, Enzo Lunari, Milo Manara, Alberto Camerini, Dino Aloi, Bruno Bozzetti, Osvaldo Cavandoli, Ernesto Cattoni, Alfio Krancic, Gianni Burato, Massimo Bucchi.

Via delle Cascine, 41
50144 Firenze


tel: +39 055362067
fax: +39 055331108
info@teatropuccini.it
http://www.teatropuccini.it

Orari biglietteria

Orari di apertura cassa: giovedì, venerdì e sabato dalle 16.00 alle 19.00

Orario degli spettacoli:

dal lunedì al sabato ore 21.00 (domenica ore 16.45)

 


COME RAGGIUNGERE IL TEATRO

Dalla stazione di Firenze Santa Maria Novella si prende la linea 17-29-30-35 dell'ATAF direzione Cascine. Si scenderà alla fermata 'Piazza Puccini'. Il biglietto della corsa singola costa 1,20 euro.
Tempo medio da Santa Maria Novella: 15'
Frequenza media diurna delle corse: 7'

AREA TECNICA

Totale posti: 634
Platea: 499
Galleria: 135
Tipo di palcoscenico: legno

 

ACCESSIBILITA' DISABILI:

Il Teatro Puccini è dotato di un accesso per portatori di handicap su sedia a rotelle; l'ingresso è accessibile dal giardino del Teatro dove è possibile parcheggiare la macchina. E' necessario avvertire il personale di sala all'ingresso del Teatro.

I posti riservati a portatori di handicap su sedia a rotella sono due, posizionati in platea.